Tema 2018: il Paesaggio

Avviso a tutti i soci

Assieme al programma delle attività  2018 con le date ipotetiche previste o in previsione segnaliamo che quest’anno i soci riuniti hanno nominato per il Fotoclub Sernaglia, il 2018 come l’anno da dedicare al Paesaggio.

 

Paesaggio naturale, urbano, umano, artistico, storico, reale o immaginario.
Il paesaggio non è solo ciò che vediamo, ma anche ciò che si cela nel nostro modo di vedere ed immaginare la realtà: è ciò che circonda…noi.

 

Breve vocabolario:

paesaggio
pa·e·ṣàg·gio/
sostantivo maschile
  1. 1.
    Porzione di territorio considerata dal punto di vista prospettico o descrittivo, per lo più con un senso affettivo cui può più o meno associarsi anche un’esigenza di ordine artistico ed estetico: un p. squallido, melanconico, ridente, pittoresco; dalla finestra si vede un p. incantevole; fermarsi ad ammirare il p.; la difesa, la tutela del p.; come soggetto di una riproduzione artistica: pittore, fotografo di paesaggi; anche, il quadro, la foto, il fotogramma che riproduce il paesaggio.
    “un p. di Bruegel”
  2. 2.
    In geografia, il complesso di elementi caratteristici di una zona determinata.
    “p. montano”

 

Wikipedia:
« “Paesaggio” designa una determinata parte di territorio, così come è percepita dalle persone, il cui carattere deriva dall’azione di fattori naturali e/o umani e dalle loro interrelazioni »

 

Convenzione europea sul paesaggio:

La Convenzione Europea sul paesaggio ha introdotto in Europa un nuovo modo di considerare e gestire la dimensione paesaggistica del territorio, e si caratterizza per aver assegnato al paesaggio la qualità specifica di concetto giuridico autonomo.

Il paesaggio rappresenta un elemento chiave del benessere individuale e sociale, e la sua salvaguardia, la sua gestione e la sua progettazione comportano diritti e responsabilità per ciascun individuo. In questo senso è forse oggi possibile cominciare a parlare di diritto al paesaggio.

Il paesaggio configura la forma del paese, creata dall’azione cosciente e sistematica della comunità umana che vi è insediata, in modo intensivo o estensivo, nella città o nella campagna, che agisce sul suolo e che produce i segni della sua cultura.

La locuzione “paesaggio” non costituisce più l’equivalente semantico di “bellezze naturali”, atteso che una concezione siffatta poneva un ingiustificato restringimento dell’ambito di applicabilità della tutela alle sole aree di pregio paesaggistico e tendeva ad assimilarle, per natura e regimi giuridici, alle cose di interesse storico-artistico, quali cose appartenenti alla speciale categoria dei beni di interesse pubblico.

Il paesaggio rappresenta, invece, una delle componenti dell’ambiente e, segnatamente, come ha avuto modo di confermare più volte la Corte Costituzionale, (Corte Cost., sent. 21 dicembre 1985, n. 359 e Corte Cost., sent. 7 novembre 1994, n. 379.), la componente estetico-culturale riferita anche alla forma del territorio

 

Treccani:

paesaggio Parte di territorio che si abbraccia con lo sguardo da un punto determinato. Il termine è usato in particolare con riferimento a panorami caratteristici per le loro bellezze naturali, o a località di interesse storico e artistico, ma anche, più in generale, a tutto il complesso dei beni naturali che sono parte fondamentale dell’ambiente ecologico da difendere e conservare.

 

 

Il tema 2018 non è vincolante per i nostri soci, è solo un invito a concentrarci nella realizzazione delle immagini, per comprendere meglio e più profondamente, ciò che ci sta attorno come cambia, evolve e si modifica… modificando noi stessi.

 

 

 

Commenti chiusi